Il Fuorigioco Spiegato alle Ragazze – Miss Black

Gira che ti rigira, nonostante il vento, il freddo e la pioggia, siamo arrivati al 15 maggio….giorno in cui viene rilasciata l’ultima fatica di Miss Black che io ovviamente avevo preordinato e che ho trovato stamattina nella home page del mio kindle pronta per essere letta.

E siccome la delusione ormai attanaglia tutto quello in cui credevo, è un riferimento all’ottava stagione di GoT che a mio parere per certi versi è ormai deragliata in modo irrecuperabile, faccio mia la dichiarazione resa da Wesa* a commento della puntata 8×05 che dice più o meno “E’ l’opera che mi deve conquistare, non sono io che devo compiacerla”, ne farò il mio mantra per le letture a venire e intanto mi accingo a cominciare questa, che spero mi conquisterà.

Ed eccola qui, l’ennesima copertina strappamutande per la quale noi ringraziamo tantissimo la scrittrice e che ci invoglia a scoprire qualcosa di più su questo manzo tatuato e barbuto.

La Trama: Lenny Pirie è una scrittrice impegnata, una giornalista, un’intellettuale. Non ha mai visto una partita di calcio in vita sua e non le interessa fare l’esperienza. Ma per il suo nuovo libro sulle icone inglesi dei tempi moderni deve intervistare il popolarissimo attaccante del Chelsea Byron Kelsey, detto “The Corsair”. Byron parla un inglese quasi incomprensibile alle sue orecchie, segue un regime dietetico folle e si allena un numero spaventoso di ore al giorno. Per il britannico medio rappresenta la perfezione fisica, un mito, un eroe. Per Lenny rappresenta l’incarnazione di una società malata di apparenze.
Ma Byron non è solo uno sportivo viziato e ha delle profondità, e delle asperità, inaspettate. E, cosa ancora più inaspettata, non sembra insensibile al fascino tutto cerebrale di Lenny…

Su Facebook ho definito questo libro una BOOOOOMMMMMBBBAAAAAAAA
E qui lo confermo.

Ho iniziato a leggere Miss Black perchè cercavo racconti erotici per donne, o meglio, racconti erotici che non contenessero solo una concentrazione di scene di sesso esplicito una dietro l’altra senza alcuna connessione, ma che i personaggi avessero anche una personalità, una identità, una storia da raccontare. Piacevolmente impressionata da “Iniziazione al piacere”, ho proseguito leggendo più o meno tutto quello che ha scritto e restandone raramente delusa. Molto raramente a dire il vero.

Questo perchè non c’è libro nel quale i personaggi non siano ben caratterizzati, che siano essi dei giocatori di calcio come in questo caso o dei manager d’assalto come nel caso di Blackwater di “Meglio i Bastardi” o ancora dei criminali fatti e finiti come nel bellissimo “Via dall’Inferno”…per non parlare dei personaggi fantasy…come dimenticare Darien Ashtiaend de “L’imbrogliona”?. E questi sono solo alcuni esempi degli straordinari personaggi maschili creati dalla fervida immaginazione della nostra Miss Black.

E il fatto che siano straordinari non è dovuto tanto al loro aspetto fisico o alla loro capacità di far raggiungere orgasmi spettacolari alle loro compagne (sia chiaro che a me queste peculiarità vanno BENISSIMO) ma quanto al loro essere estremamente umani, a volte feriti, romantici, piacevolmente Alpha, altre stronzi ed apparentemente insensibili ma tutti con il loro bel bagaglio di fragilità e paure, che li discostano da quei modelli di maschi eccessivamente perfetti o peggio, inverosimilmente goffi, che imperano nella letteratura romance moderna e che io detesto con anima, corpo e peli superflui.

Perchè alla fine della fiera a me la perfezione stanca. Mi piace l’imperfezione. La piccola stonatura, il dettaglio fuori posto, la piega sulla tovaglia stirata, la piccola ruga ai lati della bocca, la ciocca di capelli che sfugge allo chignon, la macchia d’inchiostro sulla pagina bianca, il libro dimenticato aperto sul divano….tutti quei piccoli dettagli stonati che rendono reale e concreta un’immagine che sia essa un dipinto, una descrizione in un libro o una fotografia.

Ed oltre al sesso e alla caratterizzazione dei personaggi, ogni libro ha una trama ben definita che affronta un determinato tema. E voi direte….beh…per forza, è un libro.
Col cazzo.

Avete la minima idea di quanti libri non dicano, a conti fatti, una beneamata minchia? Migliaia di parole per non arrivare mai a un dunque, per non comunicare niente, che ti lasciano anche un po’ confusa perchè non capisci mai bene dove l’autore vuole arrivare. Ecco cosa ci propinano oggi molte letture. Il vuoto. E non sono neanche quei vuoti di contenuti ma con un involucro pazzesco che ti fa dimenticare tutto. No, il nulla che avanza. E basta.

Questo rischio, con i libri della Black, non c’è.
I libri di Miss Black hanno sempre una trama ben definita che comincia, si evolve e si conclude. Hanno sempre una logica, una struttura, un contesto e una morale. E non ha paura di esporsi affrontando temi attuali che spaziano dal bodyshaming all’immigrazione.

Nel caso de “Il fuorigioco spiegato alle ragazze” la caratteristica che mi ha letteralmente fatto sburrare è il modo in cui viene usato il lessico.
Dal dizionario: L’insieme degli elementi ( parole e locuzioni ) che in un sistema linguistico danno forma a diversi significati ( nozioni e azioni ), indipendentemente dal fatto di essere raccolto e ordinato.

Lei colta, coltissima e lui l’esatto opposto. E come noterete non ho parlato di intelligenza ma di cultura, due cose complementari ma non necessariamente presenti contemporaneamente in ognuno di noi. Lei parla forbito e lui non la segue. Lei viaggia su un binario lessicale alto, complesso, ricercato mentre lui parla con il tipico slang di Leeds, che io nemmeno sapevo esistesse (gli abitanti di Leeds sono chiamati Loiners, altra cosa imparata in questo libro). Questo enorme gap lessicale va a sottolineare ed enfatizzare la differenza abissale che separa i due protagonisti e va ad aggiungersi a quelle fisiche, culturali, sociali e via dicendo. Questa scelta, di usare il lessico come segno distintivo delle personalità, mi è piaciuto moltissimo perchè prevede un’idea, un ragionamento, uno studio attento. Ci fa capire che c’è un certo tipo di attenzione nei confronti del lettore…ma ne parlerò meglio più avanti….

Come sempre nei libri della Black l’amore alla fine arriva e lo fa inaspettatamente, come un gol al 94esimo per vincere la Champion. Arriva con il suo bagaglio di incertezze, paure, timori, idiosincrasie.

Belle le scene di sesso, come sempre, curate e coinvolgenti.
Interessante anche il plot secondario, se vogliamo chiamarlo così, che riguarda la famiglia di Lenny e che sottolinea ancora più prepotentemente le differenze socio-culturali dei due protagonisti….che poi io voglia tanto diventare come la mamma di Lenny questo è un altro discorso e non credo che a voi interessi approfondire. Tenero all’inverosimile l’affetto che si instaura tra The Corsaire e la suocera, quel bisogno di “materno” che viene finalmente soddisfatto, quel vuoto dato dall’essere rimasto orfano da piccolo che viene colmato da una donna apparentemente cinica che in realtà gronda amore.

I libri di Miss Balck ti entrano dentro e ti conquistano. Non tutti, ok, ma non non siamo mica fan sfegatati e acritici, quindi ci sarà pur quella volta nella quale la comunicazione scrittore-lettore non funziona come dovrebbe. E’ una conquista lenta e studiata, dove i dettagli non sono lasciati al caso ma sono come le briciole di Pollicino che ti portano esattamente dove vuole l’autore. I libri sono brevi e poco pretenziosi ma estremamente curati e ragionati. C’è sempre alla base una ricerca sull’ambiente e sulla psicologia dei personaggi che si vogliono rappresentare, una cura per i piccoli dettagli che vanno dalla descrizione di un appartamento o dell’abbigliamento o al lessico usato (lo si nota in diversi libri e denota un impegno di un certo livello), e anche nel fantasy, nulla è lasciato al caso. Dialoghi compresi, sempre brillanti e “in character”, seri ma mai pedanti, ironici ma non stupidi, a volte drammatici ed altre futili ma mai inutili. Quello MAI.

Ed è questa la carta vincente.
E’ per questo che chi legge un suo libro leggerà anche gli altri, perchè percepisce che chi scrive ci tiene a non arrabattare 4 cazzate per fare cassa ma vuole che il suo prodotto sia buono, che i personaggi e il contesto storico siano credibili, si prepara, legge, si informa, ragiona e poi scrive, grazie a dio.

Poi certo, c’è il sesso. Tanto buon sesso, godurioso, bagnato, ben descritto e coinvolgente. E ci sono dei bei peni. Dei gran bei peni descritti con tutti i sacri crismi e che funzionano a meraviglia, d’altronde ci sono sempre e solo vagine e ani multiorgasmici…e chiariamo….anche questo va benissimo. Chi vuole leggere un erotico con del sesso scadente?

Io No.

Come avrete notato NON ho parlato dei personaggi femminili. Vi basti sapere che io vorrei essere OGNI fottuta donna da lei descritta perchè sono tutte, chi più chi meno, in un modo o nell’altro, delle donne semplicemente straordinarie.

In poche parole

Dedico questo libro a tutte quelle che come me, hanno dovuto cercare alcuni termini  sul dizionario.

Poschina

*Ed ecco per voi il link al canale youtube di Wesa, che non conosco e non mi conosce, al quale ho fregato una frase bellissima espressa in un contesto complesso per farla mia e sminuirla nel qui presente misero blog. Wesa, ti chiedo umilmente perdono ma era troppo bella per non amarla e non copiarla.

 

4 pensieri su “Il Fuorigioco Spiegato alle Ragazze – Miss Black

  1. Diciamolo, sei la regina delle recensioni. Questa poi è persino commovente. E grazie per non avere spoilerato praticamente nulla perchè questo romanzo lo devo ancora iniziare. Di Miss Black ho adorato Il cancelliere e la ballerina e sto finendo la serie.
    Hai ragione, sono le imperfezioni che rendono accattivanti i contesti, le situazioni, gli uomini e le donne. Come diceva Anna Magnani “ Lasciami tutte le rughe , non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire “.

    Per me un romanzo è indimenticabile quando non riesco a lasciarlo andare e l’ultimo che ho letto della Quasi, Le Ali, mi ha lasciata in questo stato d’animo in bilico tra appagamento e nostalgia. Te lo consiglio perchè mi piacerebbe un feedback, della serie sono io quella strana che si fa coinvolgere a prescindere?? boh

    p.s. GoT
    L’ultimo episodio di questa stagione è stato ancora più deludente dei precedenti, una scrittura incoerente, personaggi che non si riconoscono più, Jon Snow tanto valeva non resuscitarlo, Arya dopo aver ammazzato il Night king col coltellino svizzero getta la spugna con Cersei e così via…Ridatemi Tyrion bastardo

    Piace a 1 persona

    • Doyle è una specie di “mito irraggiungibile”. Ho anche il cartaceo perchè la prossima volta che lo rileggo voglio sentire le pagine scorrermi tra le dita.

      Non ho ancora letto “Le Ali”…. non so se lo leggerò in futuro ma me ne hanno parlato tutti benissimo.

      Su GoT non so più che dire. Nell’ultima stagione secondo me hanno buttato nel cesso tutto il lavoro fatto sulla crescita dei personaggi. Hanno affrettato le cose finendo per banalizzare un po’ tutto. E’ rimasta la spettacolarità delle scene di massa, e mi piace come hanno usato la luce, ma spesso le azioni dei personaggi sono forzate se non inspiegabili.

      E Jon Snow? Ridotto ad un morto di figa incapace di decidere per se stesso. Delusione.
      Peccato.

      Nel complesso resta comunque una delle migliori serie tv degli ultimi anni.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.