El Triplete

Capita raramente, ma capita.
Avete presente quando imbroccate un libro più bello dell’altro al punto da chiedervi se sia il caso di fingersi malati e passare la giornata a letto a leggere?
Bello vero?
Non è questo il caso.
Ho appena centrato El Triplete de la Mierda.

Spoiler come non se ne vedevano da anni.

Prima mi sono imbattuta in questo:

che ho scelto perchè lei gli sta per fare un pompino ed ho pensato, erroneamente, che promettesse bene ed invece mi sono ritrovata per le mani un libro banale e noioso nel quale lui passa nel giro di mezza riga (nemmeno mezza pagina) da “Che due coglioni mi devo sposare a forza con sta rincoglionita vergine di ferro” a “Sera, sei la donna della mia vita andiamo avanti a scopare in eterno perchè dio solo sa quanto ti amo”.

Il tutto senza pathos, senza brividi, senza che a me sia venuta voglia di sostituirmi alla donzella di turno.

Donzella che ha una sad story….. il di lei promesso sposo viscido e con pancia prominente la costringeva a subire i suoi bisogni a base di vergate nella vagina e lei, giustamente, ne è rimasta traumatizzata.

Talmente traumatizzata che dopo 20 minuti che conosce il nuovo promesso sposo è già pronta a tirarglielo fuori dai pantaloni e a succhiarlo per ore, ore ed ore, se non fosse che lui preferisce sbatterglielo dentro e quindi, caro  il mio vecchio pompino con ingoio, ti tocca aspettare.
Seraphina quindi si gode il sesso ma continua a ripetere che lei vuole andare a vivere da sola perchè non vuole dipendere da un uomo e bla….bla…bla……

Gatta morta che non sei altro, lo sappiamo tutti che alla fin della fiera resterai con il bel Duca che ti scopa benissimo e sfornerai una nidiata di bambini che non dormiranno mai la notte, ma a te non fregherà un cazzo perchè avrai 8 bambinaie e 9 cameriere personali.

Vaffanculovà.

Voto? 3
non l’ho nemmeno finito e lo dico con orgoglio.

Poi, temeraria, ho provato con questo:

e qui, onestamente mi è andata piuttosto bene perchè il libro non fa cagare ma mi ha ricordato in modo imbarazzante “L’ultimo Libertino” della Chase con meno passione, meno brio e meno interesse da parte della sottoscritta.

La storia è questa, ma noi la scopriremo solo ben oltre la metà del libro:

La giovanissima Antonia, rampolla di famiglia molto perbene, anzi…..perbenissima, si concede al bello di turno e fugge con lui che le promette il matrimonio. Viene fuori che invece è già sposato e il di lei padre si incazza, la disereda, la sbatte fuori di casa e la molla da sola come una cozza in Italia.
Quando la conosciamo fa da chaperon alla cugina fighissima e si veste di merda sperando di sembrare vecchia e brutta.

Nicholas è armato da sete di vendetta e avvicina la cessona solo per riuscire ad arrivare alla sua protetta, ma dopo un nanosecondo che la guarda nota che in realtà non è vecchia e non è cessa e il suo membro gli va in tiro che non ti dico e alla fine dopo una corte spietata se la scopa manco fossero 20 anni che non vede una donna e lei invece di scandalizzarsi se la gode alla grande.

E da questo apprendiamo due cose:
primo….lei sa godersi davvero la vita;
secondo… finirà a confetti e gravidanze.

Però….però….però….niente GI.
Non mancano di farci sapere che lei avrà un figlio, ma non così, per un amplesso veloce nel gazebo  ma dopo innumerevoli notti a base di vergate e spargimenti di sperma in vagine orgasmanti. Quindi, pur non vedendo l’esigenza di dovercelo a tutti costi far sapere, ci stà.

Ora, non è che sia un brutto libro ma piuttosto un po’ raffazzonato.
Un vorrei ma non posso che comunque si prende una quasi sufficienza perchè si lascia leggere senza troppi smadonnamenti ma gli mancano quell’Appeal  e quel brio nei dialoghi che caratterizzavano il libro della Chase. Però il sei pieno NO, perchè io pretendo la fotta di leggere, pretendo di smaniare per tutte le ore di lavoro in attesa del viaggio di ritorno nel quale mi spiattellerò in treno a leggere e qui, questa attesa spasmodica, non c’è stata.

Voto: 5,5

Ma veniamo a LUI.

Due palle.
E con questa dichiarazione potrei chiudere tutto e andare a casa.
Ma anche no, prima voglio sparlarne un pochino.

Non ho nulla contro la fantasia ma qui, qui c’è troppo di tutto e questo tutto è pure gestito male.
Charis è riccherrima, bellerrima e pestata a sangue.
Gideon la trova nella stalla di una locanda e la raccatta per proteggerla.
Ma lui ha davvero una Sad Story con i fiocchi e il suo disturbo post traumatico da stress lo porta a non sopportare il contatto fisico con altri esseri umani.

Povero cristo, non sa ancora che si è trascinato in casa una con la Sindrome da Crocerossina a Mille che si è innamorata di lui a prima vista e che se lo vuole fare a tutti i costi.
Ed infatti.

Lui la vuole, lei lo vuole ma lui non sopporta il contatto fisico e allora, che si fa? La nostra novella psicoterapeuta escogita un metodo infallibile:
Mi piazzo nuda davanti a lui, poi mi piego a 90, poi mi titillo i capezzoli, mi sgrilletto, mi penetro con l’attizzatoio finchè lui perde letteralmente il controllo e mi monta come fossi una Real Doll dimenticandosi il disgusto per il contatto fisico.

Funziona.

Poi lui si pente ogni cazzo di volta, ma intanto la monta come non ci fosse un domani e lei, pur non godendo per niente, è contenta perchè almeno il loro non è un matrimonio di facciata.
State tranquilli che poi l’orgasmo arriva anche per lei, perchè siamo sempre e comunque in un Romance e nei romance la donna viene sempre e comunque.

E questo non è il peggio, perchè ancora devono arrivare i fratelli di Charis (che l’avevano quasi ammazzata per rubarle l’eredità) e deve avvenire un rocambolesco quanto irreale quanto insopportabile quanto noioso rapimento con liberazione finale e dichiarazione d’amore tra verghe turgide e vagine grondanti.

Orribile.
Uno dei libri più brutti che abbia mai letto.

p.s. dopo aver letto cosa ha provocato a Gideon l’avversione per il contatto fisico la sua guarigione a suon di vergate suona ancora più fastidiosa e assurda.

Voto: 2

Vabbè….andrà meglio la prossima volta, si spera.

In poche parole

Dei tre, non mi sarei fatta infiocinare da nessuno e questo la dice lunga.

Poschina

Annunci

One thought on “El Triplete

  1. ma daaaai!! che sfiga 😀
    Quelli della Campbell li ho letti e concordo, quello della Michaels no perchè fa parte di una serie, contavo di leggerlo ma se me lo demolisci…boh.

    Della Campbell a me sono piaciuti Cuori segreti e la duologia Il cuore di una cortigiana – I desideri di una cortigiana. Ma si trovano solo in cartaceo (a 1 euro !!!) su Comprovendolibri.

    Hai dato una chance a Rehab di Calvano/Hunt? A me è piaciuto molto ma è contemporaneo.

    Auguri per le prossime letture 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...