Incauta ma Irresistibile – Mary Balogh

Per questo libro ho addirittura creato una categoria a sè stante: Lammerda che piace.
Ho sentito l’esigenza di trovare una categoria di riferimento per romanzi come questo; quei libri che si detestano per millemila motivi più che logici ma che nonostante tutto non riesci a smettere di leggere, così vai avanti….pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo, detestandoti sempre di più per non essere in grado di smettere, di chiudere un qualcosa che ti fa vergognare come una ladra, qualcosa che ti ricorda che tu sei una fottuta drogata di parola scritta e non puoi farne a meno…sì, sei debole e sottomessa al susseguirsi di lettere, parole, paragrafi e capitoli. Sei schiava del Mondo Immaginario che i libri sanno creare ma soprattutto sei talmente infossata dall’appassionarti anche a qualcosa di orribile come “Incauta ma Irresistibile” di Mary Balogh.

PERLE_9

La Trama: A venticinque anni, Daisy Morrison è ormai abituata a gestire ogni situazione. Perciò, quando dalla finestra di una locanda vede alcuni teppisti aggredire un gentiluomo, non ci pensa due volte: in camicia da notte corre in suo aiuto brandendo un ombrello e riesce a salvarlo. Il malcapitato è Giles Fairhaven, visconte Kincade, bello, arrogante e orgoglioso, e per nulla contento di essere stato messo in imbarazzo da uno scricciolo di ragazza. Daisy, tuttavia, scambia la mortificazione dell’uomo per imperitura gratitudine, e non esita poi a chiedergli di aiutarla a far entrare la sorella in società. Così, pur non volendolo, Giles si ritrova a gravitare attorno a Daisy, e a subirne suo malgrado il travolgente fascino…

Ed ora la parola alla giurata – spoiler included

Non è la solita Blalogh. Ho letto di tutto riferito a questo libro compresa una recensione che parlava di “profonda introspezione” che però io non ho notato, quantomeno nei protagonisti, o forse ero troppo distratta a smadonnare contro la nostra eroina, l’insostenibile Daisy Morrison, per accorgermi che oltre ad essere profondamente idiota, ha passato qualche minuto ad interrogarsi su se stessa… Non so. So solo che questo romanzo mi ha offerto un paio d’ore di furia omicida genuina e liberatoria, cosa che non mi capitava da tempo, considerato che NON SI SCOPA fino al 90% del libro e NON ci sono GRAVIDANZE indesiderate. In breve la nostra adoratissima Daisy è riuscita a fare quello che di solito non riesce a fare l’accoppiata One Sex = Pregnancy.

Ma approfondiamo il mio odio viscerale.

Una mattina Daisy si sveglia e sbircia dalla finestra della locanda dove ha pernottato il tizio fogherrimo appoggiato ad un muro. Noi sappiamo che lui si chiama Giles Fairhaven e che qualcuno la sera prima lo ha derubato, impedendogli di proseguire il suo viaggio verso Bath. Pochi attimi dopo tre energumeni lo aggrediscono e lei, che non si fa MAI i cazzi suoi, corre in suo soccorso e armata di ombrello ed unta di olio di limone, mette in fuga gli aggressori ed umilia in ogni modo il nostro povero, adorato, testosteronico Giles.

Da qui in poi è letteralmente una discesa negli inferi della dabbenaggine di questa donna. E vi prego di leggere dabbenaggine nell’accezione più negativa che riuscite ad affibbiare a questo termine.

La Cretina, viaggia verso Londra insieme alla sorella più giovane Rose, che sarebbe il prototipo della donna che tendenzialmente mi provoca l’orticaria (buona, sensibile, dolce, bella) ma che essendo contrapposta a Miss Minchioneria, diventa per me una specie di idolo da venerare. Vanno nella Big City perchè l’Ebete è convinta di dover trovare un buon partito per la sorella quindi ha deciso, nonostante un miliardo di persone abbiano cercato di dissuaderla, di dover fare da Chaperon perchè avendo ormai, udite udite, ben venticinque fuckin’ anni, è vecchia e nessuno la cagherebbe mai.

Da quando arrivano a Londra in poi, se possibile, l’Imbecillità di Daisy peggiora e la Stolta ne combina una dietro l’altra. Prima di tutto rintraccia il povero Giles Fairhaven e lo incastra, complice il fratello prete di lui, nel cercargli una conoscenza femminile che le introduca nel Beau Monde; poi si installa in casa della zia dei due fratelli che insospettabilmente adora in modo istintivo la povera Rose e la Fessa. Seguono una serie di situazioni non imbarazzanti, perchè sarebbe riduttivo, ma che meriterebbero di essere punite con la forca, che vedono coinvolta l’Imbecillona e che inevitabilmente coinvolgono il nostro Giles.

E qui apriamo il capitolo Giles Fairhaven.
E’ evidente che il sopra citato esponente del genere maschile, non veda una vulva da tempo immemorabile, altrimenti non si spiega come possa essere attratto da una Cretina del calibro di Daisy. Perchè non è tanto il fatto che si ficchi sempre in situazioni imbarazzanti/inverosimili/annichilenti, ma il fatto che non si renda minimamente conto di quello che ha appena combinato e dei danni psico/morali che ha inferto a quelli che avrebbe voluto aiutare; anzi….per esasperarmi ancora di più quando viene rimproverata invece di fare ammenda sorride sempre come una perfetta minorata mentale ed ottiene che Giles [ricordo a tutte voi che è un figo da paura per giunta ricchissimo] la sbatte ad un muro e le infila sei metri di lingua in bocca e la palpa pruriginosamente per interi quarti d’ora.

Adesso… io di uomini che si rimbecilliscono dietro donne-teste-di-cazzo ne ho visti a bizzeffe e anche di uomini che sposano gatte morte che gli mettono in testa un palco che manco un cervo alpha nel periodo dell’accoppiamento…. ma cristo santissimo, uomini così masochisti da compromettere un Disastro Vivente no. Capisco il bel visino, capisco le tette perfette che ti stanno in una mano, passi la vita stretta e il fianco morbido che nell’Ottocento attizzava da matti, ma la sociopatica-pericolo per la società NO!!!!

Fatti una sega.

Te lo dico con il cuore in mano. Strapazza il cobra, addomestica la verga, tritura i gioielli di famiglia, ma per dio NON farti la Pazza !!!!

E invece lui che fa?
Si innamora.
Giuro.
Si innamora del Caso Umano.

Non so se avete presente quanto sia sensibile l’orgoglio maschile. Io ho litigato per giorni solo perchè ho donato dei biscotti che avevo fatto per il mio socio (e che lui NON voleva mangiare) ad un amico. Ci ho messo un botto a comprendere il perchè del suo palesissimo astio nei miei confronti e quando l’ho capito mi si è aperto un mondo.

Quindi cara la mia Balogh, non mi farai credere che un Uomo degno di questo appellativo possa innamorarsi selvaggiamente di una donna che passa 170 pagine mettendolo in imbarazzo ed umiliandolo pubblicamente. Non riuscirai a darmela a bere. Giles Fairhaven è quello che Sciascia avrebbe definito un Quaquaraquà. Ed io, un quaquaraquà, non lo voglio.

In compenso mi sono piaciuti moltissimo i personaggi secondari. Tante piccole soddisfazioni dal gruppo superassortito di parenti, amici, conoscenti, spettatori delle malefatte dell’Essere Immondo.

E poi ho adorato un buon 2% del libro. Quando finalmente Giles tira fuori le palle [simbolicamente e fisicamente] e la zittisce mettendoglielo in bocca.
No, non è vero, però se la sbatte alla grande e lei non riesce a stare zitta nemmeno nel mentre però almeno non combina casini e si limita ad elogiare le capacità amatorie del pover’uomo.

In tutto ciò, la cosa davvero drammatica è che la Sbobba mi è piaciuta. Se la Balogh scrivesse con questo brio tutti i suoi romanzi sarebbe il mio idolo, invece ho un rapporto difficile e burrascoso con Zia Mary.

Il fatto che mi sia piaciuto questo Coso unito alla foga con cui l’ho letto mi costringe a pormi diverse domande:

– colpa degli ormoni?
– della vecchiaia?
– dell’aria condizionata di Trenord?
– delle ultime novità aziendali?
– del Gaviscon?

Non ho ancora trovato la risposta, ma in fondo, poi, chissenefrega.
Tutti noi abbiamo qualche stranezza, la mia è che nonostante tutto, questo libro irritante, mi è piaciuto.

In poche parole

Ecco cosa succede quando si va in giro con l’arma carica….

Poschina

Annunci

9 thoughts on “Incauta ma Irresistibile – Mary Balogh

  1. Condivido l’analisi, punto per punto.
    Con l’aggravante che il libro proprio non mi è piaciuto (neanche al 2%) eppure l’ho letto lo stesso, mannaggia a me! Forse l’ho fatto perché mi trovavo sulla riva dell’Adige con le gambe tese sulla staccionata della ciclabile…, c’era una piacevole arietta che rinfrescava i miei circuiti mentali surriscaldati (quanti improperi ho lanciato!) e mi spingeva a proseguire nella ricerca di un guizzo, di un riscatto finale che non ho trovato.
    Quindi, lo ammetto, sono stata incauta a iniziare a leggere quel libro, ma che volete… il richiamo della Balogh mi è spesso irresistibile.

    Liked by 1 persona

  2. Sai come si dice….dentro ad ogni gattamorta c’è una zoccola viva 😀 e questo il caro Visconte deve averlo capito meglio di noi…ahahahah
    La pulzella l’avrei strozzata

    Nobili parole nobili abusi l’hai letto? Vorrei capire se mi ha dato grandi soddisfazioni solo perchè è un periodo di magra, mi piacerebbe sentire il tuo parere

    Mi piace

    • L’ho letto recentemente.
      Piccola analisi non richiesta.
      La scrittura mi è piaciuta moltissimo, l’ho trovata una spanna abbondante sopra la media. Anche la storia in sè era nelle mie corde, però non sono riuscita ad appassionarmi come avrei voluto.
      Non mi ha “trascinata” come mi era successo con Lemonade o Schiava per vendetta.
      Forse perchè tutto succede troppo in fretta, oppure perchè non sono riuscita a capire il meccanismo che perverso che legava i due protagonisti.
      Forse l’ho semplicemente letto nel momento sbagliato, chi lo sa?
      Sono sicura che se fosse stato un po’ più lungo e si fosse concentrato un filino di più sul rapporto psicologico dei due protagonisti lo avrei apprezzato molto di più.

      Ne ho altri due in wishlist della Chillion, vedremo se trovo la mia anima gemella 😉

      Mi piace

      • hai ragione anch’io ho sempre fame di approfondimenti sulle motivazioni dei protagonisti ma forse chiedo troppo, chissà….penso di rileggerlo

        Mi piace

  3. Pingback: Il Listone – Aprile 2015 | La Leggivora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...