Tutto cambierà – Maggie Osborne

Sarà che la vecchiaia mi ha ammorbidita.
Sarà che a me le cose assurde tutto sommato piacciono assai.
Sarà che avevo pretese bassissime.
Sarà che sono, fondamentalmente, una romanticona.
Sarà… ma a me, quest’accozzaglia di parole, tutto sommato è piaciuta.

ROMANZI_1084La Trama: Per Max McCord la vita cambia di colpo quando si ritrova sposato, suo malgrado, alla donna più trasandata e meno affascinante del mondo, Louise la “meschinella”. Come ricompensa per aver salvato lui e tanti altri cercatori d’oro dal vaiolo, Louise ha chiesto infatti di avere un figlio, però non desidera un marito. E dato che Max ha una fidanzata ad attenderlo, i due si accordano su un matrimonio temporaneo finché lei non resterà incinta. Ma quando Max porta a casa la sua sposa, tutto inizia a cambiare: le loro vite e i loro progetti vengono sovvertiti da un’unione che a poco a poco tocca i loro cuori, riempiendoli di una speranza sconosciuta…

Ed ora la parola alla giurata

Ogni tanto fantastico sui servizi fotografici per le copertine romance.
Giuro.
Mi chiedo quale persona, dotata di un minimo di cervello, possa pensare che un obbrobrio del genere sia dignitoso. La cover di questo libro è semplicemente inaccettabile. Tuttavia, è utile per capire immediatamente in quale contesto ci troviamo.
Ormai satura del romance ambientato nella nebbiosa Inghilterra dell’Ottocento, mi imbatto in questo romanzuccio rosa di ambientazione Western. Sì, avete capito bene.

Avete finito di sghignazzare?
Ottimo.

Passiamo alle cose serie.
“When you play the game of thrones, you win or you die”
Ed io lo rigiro in “quando leggi un romance o stai al gioco o ti fai due palle grosse come meloni”… io questa volta ho deciso di giocare a carte scoperte, fino in fondo… e me la sono goduta.

Louise ha 28 anni, un passato difficile, si è sempre gestita da sola, non si sente bella e dalla vita vuole soltanto una cosa: un figlio.
Ha appena passato le ultime settimane assistendo una montagna di cercatori d’oro colpiti dal vaiolo. E’ stanca, sporca, vestita come un uomo e imbarazzata perchè gli eventi sono precipitati improvvisamente e si è ritrovata sposata a Max, il figo del gruppo e indovinate…..
è moro con gli occhi chiari !!!!!!! Quanto mi piace avere delle certezze….

Non divaghiamo.
Max è bello, giovane, aitante, sexy e innamorato di un’altra. Una bellissima, biondissima, minutissima ragazzetta di nome Philadelphia. Come il formaggio spalmabile. Doveva sposarla una volta tornato a casa. Aveva anche costruito un ranch per viverci insieme. Loro e i 150 figli che avrebbero messo in cantiere di lì ad un paio d’anni. Tutti noi sappiamo che nei romance i figli piovono letteralmente dal cielo come pioggia acida. Se non rimane incinta alla prima botta, sarà la seconda.

Quindi i nostri eroi sono entrambi profondamente recalcitranti.
Arrivano dopo mille peripezie ed una “scopata” (parole loro) a casa di Max, dove vengono accolti da Mamma, Fratello, Sorella, Nipote, Cognato. Tutti profondamente sconvolti per l’improvviso matrimonio del figlio e ancor più preoccupati per lo scandalo di abbandonare all’altare la figlia dell’uomo più importante dell’insulsa cittadina in cui vivono. Che poi dico…povera Louise… già si sente una merda, se tutti voi la trattate come uno scarafaggio….

La vera bomba, che sostituisce il più classico BM (non preoccupatevi, il BM c’è ed è esplicato nella trama… trattasi del “rimarremo sposati fino al concepimento” e bla… bla… bla…) è che quando Max va da Philadelphia per dirle che si è già sposato, lei salta su (in realtà impallidisce come ogni signorina perbene dovrebbe fare) e gli dice “porco, mi hai ingravidata ed ora mi molli all’altare rovinandomi la reputazione?”.
E qui persino io, cuore di pietra, mi sono detta “Max, hai pisciato fuori dal vaso.”
Ma io questi fottuti libri… in questi fottutissimi libri….  nessuno ha un minimo di autocontrollo? La realtà è che se anche ce l’hanno, i loro superspermatozoi, fecondano lo stesso… Adrian Rohan Docet.

A questo punto abbiamo:

– L’odioserrima Philadelphia incinta
– Louise che nonostante trombi come un facocero non resta incinta
– La cognata Gilly che vuole il secondo figlio ma non arriva
– Max che è ancora innamorato dell’odiosa ma costretto a vivere con Louise
– il fratello di Max costretto a sposare l’odiosa
– la mamma di Max che vuole che tutti vadano d’amore e d’accordo
– il papà dell’odiosa che fa scudo e cerca di rovinare Max

Ce n’è per tutti i gusti.
Ora non posso andare avanti per non spoilerare. Non spoilero perchè non voglio togliervi la sorpresa di sapere come finiscono tutti questi giri spermatici. Io ho passato due ore della mia vita chiedendomi come l’autrice avrebbe gestito la situazione Philadelphia/bambino una volta arrivati al momento del parto e beh….

OhNoLady

APPLAUSI !!!!!!!!

Non avrei potuto fare di meglio…
Già la trama è assurda, i personaggi sono tagliati giù con l’accetta, di storico non c’è nulla, o quasi, le scene erotiche non mi hanno fatto sbavare, Philadelphia è losca dal primo all’ultimo momento, tutti sappiamo come andrà a finire eppure…

…eppure nel momento in cui finalmente il mio capoccione ha compreso come la Osborne avrebbe gestito il dilemma “quale donna / quale figlio” ho improvvisamente capito di avere ancora molto da scoprire sul romance e sulle millemila possibilità che questo genere offre alla fantasia più perversa e sfrenata. Davvero i miei fottutissimi complimenti. I MIEI PIU’ FOTTUTERRIMI COMPLIMENTI.

Che mente perversa questa donna.
Che cattiveria.
Che bassa opinione delle donne bionde e delicate.

Osborne, io ti adoro !!!!

Siamo seri per una volta. La trama di questo libro fa cagare, è assurda, complicata, inverosimile, per certi versi fastidiosa ed in un certo qual modo perversa.

MA.
Ma mi sono divertita, ho parteggiato per Louise, provato compassione per quella grandissima vacca di Philadelphia, compreso i sentimenti di Max, sperato che la mandria superasse l’inverno e non mi sono inalberata per l’ovvio happy end.

E’ decisamente molto più di quanto mi aspettassi.

In poche parole

L’insana passione per le vacche che non sapevate di avere.

Poschina

 

Annunci

9 thoughts on “Tutto cambierà – Maggie Osborne

  1. Sto morendooooooooo!! Mi fai schiattare dalle risate :-)))))) ero indecisa su questo libro ma a questo punto lo farò mio anche se io e le vacche abbiamo dei precedenti inquietanti….

    Simo

    Mi piace

    • E’ incredibile, perchè penso davvero che sia uno dei libri più assurdi che abbia mai letto, tuttavia mi è piaciuto.
      E davvero non ero riuscita a capire come cavolo poteva finire la storia della gravidanza di Philadelphia…..
      Sarà il caldo che mi fa sbarellare?

      Mi piace

      • Livigno, estate, mucche al pascolo in cima al monte, io adagiata pigramente sulla sedia di un baretto sulla strada. Improvvisamente una delle bestie si stacca dal mucchio e comincia a scendere correndo verso la strada. Io dico: non verrà mica verso di me???!!! E gli altri: ma no! Cosa dici? Ma quella vacca di una mucca non sente ragioni e continua la discesa, con un colpo di corna si libera dello steccato, attraversa la strada infischiandosene del traffico e si precipita da me fissandomi negli occhi orgogliosa. Ho cacciato un urlo che mi han sentita fino a Bormio. Fosse stato almeno un toro… 😉

        Appena finisco di leggere Dolce Sacrificio della Stuart attacco la Osborne, non vedo l’ora 😀

        Mi piace

  2. Pingback: La Leggenda dei Quattro Soldati – Elizabeth Hoyt | La Leggivora

  3. Pingback: Il Listone – Luglio 2014 | La Leggivora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...